Questo sito utilizza i cookies, in modo particolare a fini statistici, e la sua navigazione ne comporta quindi l'accettazione; in caso contrario, è necessario uscire dal sito e cancellare i cookies memorizzati sul proprio computer (o bloccarli per future visite). Per ulteriori info, visita la nostra privacy e cookie policy. Grazie

Fabrizio a La Verna? Un'ipotesi da considerare

Capitolo precedente - Fabrizio all'amica: "Ho trovato la strada grazie all'aiuto del buon Signore!"

Dopo la telefonata all’amica Laura (19 luglio 2005), Fabrizio sarebbe stato visto suonare la sua amata chitarra in Piazza del Comune insieme ad altri giovani il giorno seguente, ovvero il 20 luglio. Ventiquattro ore più tardi avviene quella che, in realtà, non dovrebbe essere ancora considerata una vera e propria scomparsa intesa nel senso più concettuale del termine: alcuni testimoni affermano di averlo visto percorrere il Sentiero Francescano, tra cui una signora che ha dichiarato di averlo ospitato per alcuni minuti in casa così da rifocillarlo con un bicchiere d’acqua e due pomodori. Solo questo avrebbe chiesto Fabrizio, rifiutando l’invito a pranzare nel casolare e rimettendosi immediatamente in marcia verso un’ignota destinazione.

Ha con sé la sua chitarra ma non la sacca bianca contenente il portafoglio, un libretto di risparmio, un flauto, un lettore CD e alcuni effetti personali. Viene ritrovata il 24 luglio in zona Pieve San Nicolò tra Assisi e località Valfabbrica sicché Caterina, la madre del ragazzo, si trova a doverne verificare con esito positivo la proprietà: è di suo figlio. Il 26 luglio si attivano ufficialmente le ricerche nell’area del ritrovamento, ma non si giunge ad alcun risultato utile alle indagini nonostante gli sforzi profusi. Afferma Maurizio Fattorini, referente comunicazione dei Vigili del Fuoco di Perugia: “Le ricerche sono state fatte con personale specialistico, capace di muoversi in situazioni speleologiche particolari.” Altre deduzioni  arrivano da Lucio Belli, Capo Distaccamento dei Vigili del Fuoco di Perugia: “Da alcuni giorni è stata riaperta la stagione venatoria. Qui da noi ci sono molti cacciatori di cinghiali che battono quotidianamente questa zona con cani e i boschi brulicano di raccoglitori di funghi, quindi se Fabrizio avesse avuto qualche incidente lungo il percorso, secondo me lo avrebbero trovato. Se non lo abbiamo trovato nel bosco, significa sicuramente che il ragazzo è da qualche altra parte. Potrebbe per esempio trovarsi in una delle tante comunità presenti nel territorio.” Belli accenna a tutta una pletora di strutture, edifici, eremi e conventi sparsi intorno ad Assisi o lungo il tragitto per Gubbio, sussistenti per la particolare aura religiosa che il passaggio di San Francesco ha lasciato parecchi secoli fa. Facile allora pensare che in uno di questi luoghi, Fabrizio possa aver trovato il proprio proverbiale locus amenus. Dice Don Claudio Curcetti, parroco della chiesa di San Giuseppe a Collegno (TO): “Fabrizio ha sempre avuto una profonda sensibilità religiosa, una persona molto credente e riflessiva, tanto che ciò che è successo può effettivamente legarsi a questo suo approccio nei confronti della fede e alla sua attenzione alla vita spirituale”.

L’inviato del programma “Chi l’ha visto?Giuseppe Bellecca ha rivolto alla madre di Fabrizio una domanda cruciale: “Suo figlio aveva intenzione di prendere i voti?”. La donna ha così risposto: “Forse sì, ne avevamo parlato e lui mi aveva detto che non era ancora pronto e che doveva prima fare delle altre esperienze.” L’insistenza nel considerare la possibilità che l’allora diciannovenne potesse aver intrapreso un proprio percorso religioso è ulteriormente stimolata dai corsi vocazionali organizzati ad Assisi negli ultimi vent’anni, appuntamenti ai quali sempre più giovani accorrono con entusiasmo risultando per vari Ordini una risorsa economica non trascurabile. Il Giornale dell’Umbria sostiene l’ipotesi secondo la quale Fabrizio avrebbe intrapreso una sorta di pellegrinaggio a piedi che porta da Assisi a La Verna, due apici essenziali nella parabola esistenziale di San Francesco, nel corso del quale avrebbe incontrato un padre spirituale in grado di metterlo alla prova inducendolo ad abbandonare tutto e ad affidarsi unicamente alla Provvidenza. Tale pista troverebbe un più che plausibile riscontro nell’avvistamento di Fabrizio a La Verna il 14 settembre da parte di alcuni pellegrini. Ciò significherebbe in primis che il ragazzo è riuscito effettivamente a colmare una distanza di 150 km, salvo poi ripercorrerli per tornare indietro. Se invece il giovane al Santuario di La Verna si fosse definitivamente fermato per stabilizzarsi come adepto fra le mura di quel mistico luogo di fede?

Continua...

Ultima modifica il Venerdì, 12 Agosto 2016 15:33

Samuele Pasquino

Classe 1981, nato a Torino. Laureato in Lettere nel 2009, diventa giornalista pubblicista tre anni dopo, contestualmente alla collaborazione con diversi giornali e realtà web. Critico cinematografico militante, fonda nel 2010 il sito Recencinema.it, di cui è proprietario e direttore responsabile. Stessi ruoli anche per il sito d’informazione QuiPianezza.it, dove esercita il giornalismo di cronaca e cultura nell’ambito della cittadina in cui vive, appunto Pianezza. Non ancora soddisfatto, nel 2014 crea DevoParlarne.it, dedicato al libero pensiero, alla parola e alla scoperta di nuove, appassionanti storie.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Tutti hanno qualcosa da dire...

Censura, falsità, retorica, indifferenza, gossip, sensazionalismo gratuito… Tali concetti e parole sono da considerarsi ostili e quindi banditi da questo sito, che vuole invece essere una sincera finestra su un mondo nel mondo, quello di piccole e grandi storie, rivelazioni, accadimenti e particolarità da carpire fra le righe di pezzi non scritti. La fonte dell’informazione, in questo preciso caso, non è solo il giorno che porta con sé felici novelle o tragiche notizie, ma è chi ha davvero qualcosa da dire.

Leggi tutto...

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.pagina facebook 

JSN Metro template designed by JoomlaShine.com