Questo sito utilizza i cookies, in modo particolare a fini statistici, e la sua navigazione ne comporta quindi l'accettazione; in caso contrario, è necessario uscire dal sito e cancellare i cookies memorizzati sul proprio computer (o bloccarli per future visite). Per ulteriori info, visita la nostra privacy e cookie policy. Grazie

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 42

Salone del Gusto 2016Facciamo il punto. Il 2016 verrà ricordato dalla città di Torino come l’anno dell’edizione free di Terra Madre – Salone del Gusto, la biennale dell’enogastronomia in grado di unificare in un sol colpo i palati di ben 143 Paesi del mondo, tutti protagonisti per un unico obiettivo: rendere le papille gustative pioniere di nuove esaltanti frontiere nell’ambito della divagazione alimentare esplorata, condivisa e ragionata con un intermediario a presidiare l’accesso virtuoso alle risorse, ovvero Slow Food.

Capitolo precedente - Fabrizio all'amica: "Ho trovato la strada grazie all'aiuto del buon Signore!"

Dopo la telefonata all’amica Laura (19 luglio 2005), Fabrizio sarebbe stato visto suonare la sua amata chitarra in Piazza del Comune insieme ad altri giovani il giorno seguente, ovvero il 20 luglio. Ventiquattro ore più tardi avviene quella che, in realtà, non dovrebbe essere ancora considerata una vera e propria scomparsa intesa nel senso più concettuale del termine: alcuni testimoni affermano di averlo visto percorrere il Sentiero Francescano, tra cui una signora che ha dichiarato di averlo ospitato per alcuni minuti in casa così da rifocillarlo con un bicchiere d’acqua e due pomodori. Solo questo avrebbe chiesto Fabrizio, rifiutando l’invito a pranzare nel casolare e rimettendosi immediatamente in marcia verso un’ignota destinazione.

Capitolo precedente - Fabrizio scomparso ad Assisi: una crisi mistica?

fabrizio catalanoL’indagine da parte degli inquirenti s’apre ufficialmente dopo la denuncia di scomparsa presentata da Ezio e Caterina ed è a questo punto che cominciano a rincorrersi nei giorni alcune testimonianze ritenute attendibili. Laura, cara amica di Fabrizio, dichiara di aver ricevuto il 19 luglio 2005 una sua telefonata in occasione del compleanno della ragazza, conversazione che può essere ricostruita in sintesi secondo quanto riportato dalla giovane testimone:

Capitolo precedente - La scomparsa di Fabrizio Catalano: un caso da risolvere

Fabrizio Catalano con i genitoriL’interrogativo più lancinante attanaglia i pensieri di Ezio e Caterina, i genitori di Fabrizio: dov’è finito il loro figlio?

il giovane fabrizio catalanoIl 21 luglio 2016 ricorre l’undecennale della misteriosa scomparsa dell’allora diciannovenne Fabrizio Catalano, dissoltosi nel nulla quello stesso giorno del 2005 nei pressi di Assisi (PG). A denunciarne l’improvvisa sparizione è la madre Caterina che, insieme al marito Ezio, non ha mai smesso di cercarlo nonostante le Forze dell’Ordine abbiano da tempo gettato la spugna archiviando la vicenda come “caso irrisolto”: Fabrizio va così a infoltire tomi di pagine su cui campeggiano le fotografie stampate di centinaia, anzi migliaia di giovani perdutisi fra le maglie di una società divenuta nel tempo sempre più pericolosa e difficile da indagare entro i confini evanescenti dei suoi lati bui. Eppure la questione è ben lungi dall’essere chiusa poiché in molti credono che il ragazzo sia ancora vivo e in effetti nessun indizio può finora smentire tale ipotesi: vivo fino a prova contraria.

il giovane fabrizio catalanoFabrizio Catalano, 19 anni di Collegno (TO), scompare nel nulla il 21 luglio 2005 nei pressi di Assisi, lungo il noto “Sentiero di Francesco”. Il ragazzo, che si trovava in Umbria per seguire un corso quadriennale di musicoterapia, era animato da una profonda fede religiosa, infusa da una famiglia di sani principi, una famiglia che non ha mai smesso di cercarlo. Parliamo al passato non per sancire una qualche fine ma semplicemente per ricostruire il passato storico ch’è un tempo in divenire per un giovane vivo fino a prova contraria, vivo ma perso in qualche dove. La storia è lunga, tremendamente misteriosa, apparentemente come tante affastellate negli archivi dei cosiddetti “casi irrisolti” riguardanti persone evaporate negli abissi dell’oblio, quel vacuo che non lascia tracce o ne lascia troppo poche per poter risalire la china e ritrovar così la luce.

Insegna Gennaro EspositoNe ha fatta di strada il “piccolo” funambolo della pizza da quando suo padre Walter ha aperto ufficialmente la prima pizzeria Gennaro Esposito in via Passalacqua 1/G a Torino l’8 settembre 1994. Lui c’era, curioso quattordicenne nelle vesti di barista e cameriere al servizio della famiglia con umiltà e occhi bene aperti. Proprio quegli occhi bramosi di conoscenza gli hanno permesso ad appena 17 anni di diventare pizzaiolo, ebbro dei preziosi rudimenti del padre. Ritroviamo Fabrizio nel 2015, artista completo dell’impasto partenopeo ad hoc, co-erede di un impero fondato e curato nei minimi dettagli dalla famiglia Picariello, che annovera ben 6 filiali in Piemonte e 1 in Lombardia, un franchise che da due decenni + 1 anno ha letteralmente il vento in poppa.

L'interno della mostra a NovaraNell’era del progresso, dettata dal sistema capitalistico e influenzata dalla tendenza esasperata alla modernità, l’uomo è ancora capace di un esercizio vitale, cioè quello di interrogarsi non soltanto sul futuro ma anche sul passato, il suo passato? Parliamo dell’origine, l’assoluto primordiale, la luce nel buio cosmico, la creazione dal nulla… Insomma la nascita della vita a ogni livello. Da dove veniamo? Chi siamo? Com’è fatto il bel pianeta che abitiamo e che posizione esso occupa in uno sconfinato universo fatto di sistemi, stelle, galassie?

In questa pagina si rendono note, con le dovute descrizioni, le modalità di gestione del sito in relazione al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.

L'informativa si riferisce esclusivamente al sito www.devoparlarne.it ignorando altri siti web collateralmente raggiungibili dall'utente tramite link.

Il "titolare" e responsabile del trattamento

A seguito della fruizione di questo sito possono essere trattati dati propri di persone identificate o identificabili. Il "titolare" del suddetto trattamento è Samuele Pasquino, via Parucco 22/E, 10044 Pianezza (TO).

Luogo di trattamento dei dati

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito si svolgono presso la citata sede del responsabile e vengono curati solo da personale incaricato.

Tipi di dati trattati

Dati di navigazione
I sistemi informatici e le procedure software necessari al funzionamento di questo sito web acquisiscono, contestualmente al loro esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è compresa nell'utilizzo dei protocolli di comunicazione di internet.

Dati forniti volontariamente dall'utente
L'invio facoltativo, esplicito e volontario a questo sito di propri dati personali implica la relativa acquisizione dei medesimi, necessaria ad esempio per favorire il login al sito o il rilascio dei commenti postati.

Cookies

(art .2, par. 5, direttiva 2009/136/ce e art. 122, comma 1, codice privacy)
La presente informativa esplica i tipi di cookie e le loro modalità di utilizzo da parte del sito.

I cookies consistono in piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, permettendo così al sito web di riconoscere gli utenti e inglobare informazioni definite su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.
Si distinguono e sussistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sbloccano la navigazione sul sito, altri hanno scopi diversi quali preservare la sicurezza interna, amministrare il sistema, tracciare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del sito che coinvolgono maggiormente gli utenti o offrire una visita mirata del sito.
Il sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. I cookies tecnici sono quelli preposti al solo fine di compiere la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura limitatamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione richiesto dall'abbonato o dall'utente a fornire tale servizio.
Per informazioni aggiuntive sul salvataggio dei cookie, si prega di consultare le opzioni di personalizzazione del browser utilizzato.
Va necessariamente acquisita la consapevolezza che la non accettazione dei cookies potrebbe inficiare la corretta fruizione di questo sito o parte di esso.

Tipi di cookie utilizzati:

Possono essere suddivisi in

  • Cookies di navigazione o di sessione, che preservano l’ordinaria navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di autenticarsi per entrare in aree riservate);
  • Cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati per migliorare il servizio reso allo stesso;
  • Cookies di analisi statistica, assimilati ai cookies tecnici laddove direttamente utilizzati dall’amministrazione del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e sulle modalità degli stessi di visitare il sito stesso (vedere paragrafo “cookie di google analytics”).

Cookie di Google Analytics

_ga e _gat risultano esempi di cookie di terze parti installati da google analytics, piattaforma utilizzata dal sito per accumulare informazioni sulle modalità di utilizzo degli utenti in relazione al sito web (ad esempio quali sono le pagine più visitate o se alcune pagine web generano messaggi di errore). Questi cookie vengono utilizzati per la memorizzazione di informazioni non personali. Informativa Google Analytics - https://support.google.com/analytics/answer/6004245?hl=it

I dati automaticamente raccolti sono ad esempio: l’orario della navigazione, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, il codice numerico indicante lo stato della risposta dal server (buon fine, errore, ecc.), le caratteristiche del browser e del sistema operativo usati dal visitatore, le molteplici connotazioni temporali della visita (per esempio il tempo di permanenza su ogni pagina).

Per impostazione predefinita, google analytics utilizza l'intero indirizzo ip degli utenti del sito web per fornire dati geografici di carattere generale nei rapporti. Nel caso di questo sito, è stata attivata la mascheratura dell'indirizzo IP, cosicché google analytics rimuova l'ultimo ottetto dall'indirizzo IP dell'utente prima di utilizzarlo e memorizzarlo.

Facoltatività del conferimento dei dati

A parte quanto precisato per i dati di navigazione, l'utente ha piena libertà di fornire i dati personali, ad es. per il commento degli articoli o la registrazione al sito.

Il loro mancato conferimento può causare l'impossibilità di ottenere quanto richiesto.

Modalità del trattamento

I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati per il tempo esclusivamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti.

Diritti degli interessati

I soggetti cui si riferiscono i dati personali possono in qualunque momento pretendere l’ottenimento della conferma dell'esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento.

Si ha inoltre il diritto di chiedere la cancellazione dei dati trattati scrivendo all’indirizzo mail del responsabile: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Censura, falsità, retorica, indifferenza, gossip, sensazionalismo gratuito… Tali concetti e parole sono da considerarsi ostili e quindi banditi da questo sito, che vuole invece essere una sincera finestra su un mondo nel mondo, quello di piccole e grandi storie, rivelazioni, accadimenti e particolarità da carpire fra le righe di pezzi non scritti. La fonte dell’informazione, in questo preciso caso, non è solo il giorno che porta con sé felici novelle o tragiche notizie, ma è chi ha davvero qualcosa da dire.

Tutti hanno qualcosa da dire...

Censura, falsità, retorica, indifferenza, gossip, sensazionalismo gratuito… Tali concetti e parole sono da considerarsi ostili e quindi banditi da questo sito, che vuole invece essere una sincera finestra su un mondo nel mondo, quello di piccole e grandi storie, rivelazioni, accadimenti e particolarità da carpire fra le righe di pezzi non scritti. La fonte dell’informazione, in questo preciso caso, non è solo il giorno che porta con sé felici novelle o tragiche notizie, ma è chi ha davvero qualcosa da dire.

Leggi tutto...

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.pagina facebook 

JSN Metro template designed by JoomlaShine.com